ITS Tech&Food ottiene la menzione al “Premio innovatori responsabili”

Grazie al progetto “ICE Cascara To go” l’ITS Tech&Food Academy di Parma si aggiudica la menzione “Conoscenza e Saperi” alla VIII edizione del “Premio innovatori responsabili – anno 2022”

L’ITS Tech&Food Academy di Parma è stata premiata, nella mattinata di mercoledì 14 dicembre, con una menzione per la Categoria Obiettivo Strategico “Conoscenza e Saperi” durante la VIII edizione del “Premio innovatori Responsabili” indetto dalla Regione Emilia Romagna. Ad ottenere il riconoscimento è stato il progetto “ICE Cascara To go”, già vincitore della categoria “Sostenibilità” durante l’ITS 4.0 Day 2022, che ha portato, attraverso la modalità del design thinking, alla realizzazione di una nuova bevanda eco-sostenibile derivata dal cascara, un alimento comunemente scartato durante la produzione del caffè.

IL PREMIO – Il “Premio innovatori responsabili” intende valorizzare il contributo del sistema produttivo, della formazione e della ricerca nel raggiungimento degli obiettivi indicati nel “Patto per il lavoro e per il clima” e nella Strategia 2030 della Regione Emilia-Romagna, anche in risposta alle nuove emergenze economiche e sociali emerse a seguito della pandemia e in conseguenza dei conflitti in corso. Ad essere premiata è la capacità di rinnovarsi con l’assunzione di una visione integrata della sostenibilità, attraverso l’innovazione di processi, sistemi, partenariati, azioni formative, tecnologie e prodotti. Il Premio è anche l’occasione per far emergere e conoscere le realtà più virtuose del territorio emiliano-romagnolo che si sono mosse in questa direzione.

LA CERIMONIA – A consegnare le targhe durante la cerimonia di premiazione – svolta presso la Fondazione Golinelli di Bologna – è stato Vincenzo Colla, Assessore allo sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione e relazioni internazionali della Regione Emilia Romagna. Presenti per la Fondazione ITS Tech&Food Academy la Direttrice Francesca Caiulo; il Presidente del Comitato Tecnico-Scientifico Sebastiano Porretta, Primo ricercatore del Ministero dello Sviluppo Economico e Responsabile dell’Area Marketing & Consumer Science presso la Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari di Parma – SSICA; Barbara Melegari, Responsabile del Coordinamento della Sede di Parma e coordinatrice del progetto ICE Cascara; Alice Zambelli ed Elena Righini, Studentesse del II anno del corso di Food Marketing.

Oltre alla targa di riconoscimento, il progetto dell’“ICE Cascara To go” è stato pubblicato nel volume della VIII edizione del Premio e il nominativo dell’ITS Tech&Food Academy sarà inserito nell’elenco degli innovatori responsabili dell’Emilia-Romagna.

IL PROGETTO – Il prototipo di ICE Cascara To go è stato realizzato durante lo scorso anno accademico 2021-2022 nell’ambito del progetto ITS 4.0 attraverso la modalità del design thinking. Allo sviluppo di questa nuova bevanda hanno partecipato gli studenti ITS T&F delle seconde annualità di Food Tech, Food Marketing e Food Design collaborando con il Prdi. Sebastiano Porretta, titolare del corso di Sviluppo di Prodotto e responsabile dell’Area Consumer science & marketing di SSICA e l’azienda Torrcaffé.

«L’ICE Cascara To go è stata pensato al fine di favorire il riutilizzo di alimenti comunemente scartati ed è una bevanda trattata mediante un processo ad elevate pressioni idrostatiche che ne conserva le proprietà – spiega il Prdi. Sebastiano Porretta -. I percorsi ITS si caratterizzano per un approccio pratico che consente ai ragazzi di progettare l’intero processo di sviluppo di prodotti e servizi, partendo dalle richieste del mercato per arrivare fino alla prototipazione su impianti industriali».

«Dal punto di vista didattico – Precisa la Responsabile Barbara Melegariil progetto ha consentito agli studenti di sperimentarsi in azioni di sviluppo ed innovazione tecnologica tipiche dei contesti aziendali. Ha favorito l’acquisizione di tecniche per svolgere un’accurata analisi di mercato, ideare un nuovo prodotto, metterne a punto il prototipo e testarlo per la successiva commercializzazione. Ha incoraggiato il lavoro per obiettivi, il pensiero laterale, il team working, l’attenzione per la responsabilità sociale e la sostenibilità».

L’ECCELLENZA DEI PERCORSI – L’ITS Tech&Food in questi anni ha dimostrato la propria valenza vincendo premi prestigiosi nazionali e internazionali competendo altresì spesso in contesti di categoria superiore, come il Premio Eco-Trophelia di Confindustria rivolto agli studenti delle lauree magistrali. In ciascuna di queste occasioni il deus ex machina è stato il prdi. Sebastiano Porretta.

«L’aver saputo interpretare correttamente la formula learn by doing commenta Sebastiano Porrettaè stata la chiave di volta per i ragazzi che negli anni si sono avvicendati nei corsi ITS. Le aziende, come noto, hanno sempre più bisogno di tecnici già pronti con un bagaglio di conoscenze teoriche corroborate dall’apprendimento pratico ottenuto direttamente sugli impianti di processo e con una precisa idea dei reali bisogni del mercato: facile a dirsi, ma si consideri che oltre il 99% dei nuovi prodotti immessi sul mercato (spesso si tratta di aggiornamenti di esistenti) risulta un flop. Gli ingredienti chiave oggi sono: innovazione, mercato, servizio, salute e sostenibilità».